My Items

I'm a title. ​Click here to edit me.

RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE DI MASSIMA AFFIDABILITÀ COMMERCIALE

“CRIBIS PRIME COMPANY” PER AGROVIVAISTICA CARDILLO. CRIBIS D&B è la società del Gruppo CRIF specializzata nelle informazioni commerciali su aziende italiane ed estere. Essi supportano in tutto il mondo i decision maker di: banche e credit union, società finanziarie, assicurazioni, società di telecomunicazioni, imprese e confidi. Il gruppo CRIF è presente in 4 continenti (Europa, America, Africa e Asia). CRIBIS è l’unica società in Italia in grado di garantire ai propri clienti un patrimonio informativo completo, costantemente aggiornato e certificato. Tutti gli istituti di credito e le finanziarie utilizzano i servizi CRIF. La certificazione PRIME COMPANY, ottenuta dall’ Agrovivaistica Cardillo, rappresenta la massima affidabilità commerciale. A fine 2017, secondo lo studio condotto da Cribis, la percentuale di aziende italiane da considerare eccellenti in termini di affidabilità̀ commerciale ha raggiunto l'8% del totale. L’AGROVIVAISTICA CARDILLO RIENTRA TRA QUESTE!

EXPORT VERDURE, INIZIO LENTO.

La campagna export delle verdure 2017/18 si apre così come si era chiusa quella precedente, molto prodotto, poca richiesta e prezzi bassi. La sovrapproduzione dovuta non solo al surplus di trapianti, ma anche dall'andamento delle temperature nelle decadi precedenti, ha portato il prezzo delle verdure a un valore pari o inferiore ai costi di produzione. Inoltre, al contrario di quanto ci si aspettasse, i Paesi al di là delle Alpi stanno richiedendo una quantità minore di verdure rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche quest’ultimo aspetto è da imputare alle alte temperature verificatesi anche nei Paesi importatori, che hanno permesso a questi ultimi di possedere ancora prodotto locale nelle ultime settimane di Ottobre e nelle prime settimane del corrente mese. Uno scenario alquanto insolito, e a farne le spese sono i produttori, che già dall'inizio della campagna invernale serricola si ritrovano con delle perdite da recuperare per prodotti invenduti, e quindi inevitabilmente la distorsione di tutti i programmi posti in essere, per via del ritardo che si sta materializzando nel liberare le strutture per far spazio al secondo ciclo di produzione. Siamo solo all'inizio, il nostro auspicio è per una campagna rosea per qualità e prezzi, che possa essere gratificante , al fine di ricompensare il lavoro posto in essere per portare sulle tavole di tutta Europa prodotti freschi sani e genuini.

restylingn per il nostro sito web

Siamo lieti di presentarvi il nostro nuovo sito web con un restyling innovativo e moderno. Il sito, disponibile in lingua italiana ed in lingua inglese, rispecchia appieno la struttura, la produzione e l'organizzazione aziendale. L'esperienza nel sito inizia con una home page nella quale si può selezionare la macro area di interesse, cioè azienda agricola o vivaio orticolo. Entrati nella macro area di interesse, in alto vi è un semplice ed intuitivo menù mediante il quale potrete scegliere e visionare tutte le pagine del sito. Inoltre il sito web è dotato di una sezione news, dove potrete essere sempre aggiornati sulle novità dei nostri prodotti.

Perché scegliere il cubetto

- Uniformità del trapianto che permette alle radici di attecchire in modo omogeneo, quindi maggior possibilità di avere un’andatura regolare anche nel raccolto;


- 800% è la quantità in più di substrato, quindi comprese le sue concimazioni, rispetto all’alveolo: questo permette alle giovani piantine di superare meglio la fase del trapianto;


- Maggiore è la distanza dal suolo del colletto, il che permette alle giovani piantine di avere flusso di area più importante rispetto all’alveolo, ne consegue quindi una minor presenza di umidità;


- Precocità della maturazione del prodotto.


Ma perché scegliere il #nostro cubetto?


-Parallelepipedo è la forma che permette di avere una messa a terra stabile ed evitare capovolgimenti anche con le piantine più alte;


- Apertura del lato corto del contenitore, in modo da ottimizzare i tempi di trapianto facendo scivolare i cubetti direttamente a terre


- Polistirolo è il materiale che vi permette di trascinare il contenitore anche su pacciamatura evitando che quest’ultima si strappi.

Cavolorapa: Italia produzione senza consumo. Si mira all'export

Il cavolo rapa è una Brassica oleracea. 100 g contengono: -1,9 g di proteine; -0,2 g di grassi; -3,7g di carboidrati; -100 kJ/24 kcal. Originario dell'Asia sud-occidentale, si differenzia dagli altri cavoli, perché presenta un fusto ingrossato e tondeggiante, di colore verde o purpureo, sul quale si formano poche foglie lobate, munite di un lungo picciolo. TRAPIANTO: particolare attenzione deve essere rivolta a non interrare la piantina fìno sopra la zona del colletto, al fìne di permettere un regolare ingrossamento del fusto. Soluzioni in merito a questa problematica sono state risolte con piantine in cubetto di torba pressato. INVESTIMENTO: le piante possono essere distanziate di cm 25-30 sulla fila e di cm 30-40 tra le file, in modo da raggiungere una densità di circa 80-100.000 piante per ettaro. IRRIGAZIONE: è forse la pratica agronomica più importante poiché in grado di determinare la produzione sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo. Infatti, gli interventi irrigui devono essere frequenti in modo tale da mantenere costante l'umidità del terreno. Periodi siccitosi seguiti da irrigazioni o pioggia abbondanti provocano fibrosità e spaccature della parte edule. PRODUZIONE: da 200 a 600 q di rape per ettaro. CONSERVAZIONE: le "rape' possono essere accatastate in locali freschi, stratificate con terra, torba o sabbia umida, oppure avvolte in sacchetti di pla- stica o in film di paraffina e poste in frigorifero a 2-4 'C. In queste condizioni la conservazione può protrarsi per più mesi.Le aziende agricole della Regione Campania sono tra le prime per produzione e commercializzazione di cavolo rapa.Nonostante ciò la maggior parte della produzione è destinata ai Paesi Esteri ed è un prodotto poco presente sulle tavole italiane.